Logo generale del sito:Libera Università 'Tito Marrone' Trapani

Libera Università Tito Marrone > Notizie > Avvisi > Natale 2018

Il logo della sezione del sito denominata  Natale 2018

Natale 2018

Nella cornice di una elegante serata, gli iscritti della Libera Università si sono scambiati gli auguri di Buon Natale, assieme ai soci del Kiwanis Club Trapani-Saturno. (Cliccare)

Immagine riferita a: Natale 2018

<_div>

Immagine riferita a: Natale 2018

<_div>L’allocuzione del Presidente A. Tobia -Natale e il Sole invictus----------- <_div>Nei primi tempi della Chiesa, il Natale di Gesù bambino era festeggiato insieme  con la festa dell’Epifania il 6 gennaio. Dal secolo VI le due feste furono separate e si affermò come data della prima il  25 dicembre, che coincideva col giorno nel quale i pagani, iniziati ai misteri del dio Mitra, celebravano la festa del Natale del Sole  invictus. Mitra era, infatti, un’antica divinità indo-iraniana, poi identificata con il Sole e con Apollo in Grecia, a partire dal primo secolo a.C.  Alla fine del I sec. dopo Cristo, il culto si era diffuso in tutto l’Occidente e nel III secolo  divenne religione ufficiale dell’Impero romano. Nel corso del V secolo il culto si avviava ad un inarrestabile tramonto. Tra il mitraismo e il nascente cristianesimo si riconoscevano numerose analogie:1) il tema della luce lo hanno in comune sia il culto di Mitra, dio della luce e della verità, inteso come spirito del bene, sia il culto cristiano che rappresenta simbolicamente la luce, intesa come grazia e come speranza del premio eterno.2) Non è un caso che entrambi i culti coincidano col solstizio d’inverno, quando il sole sembra arrestarsi per  dare l’avvio al nuovo corso della conquista della luce.3) Anche nel rituale esistevano alcune concordanze: il sacrificio del toro, sgozzato da Mitra per sottrarlo al male, è richiamato dai cristiani, che fondano il proprio credo sul sacrificio di Cristo, morto e risorto per la salvezza dell’umanità dal peccato; i seguaci di Mitra raffiguravano la vita sotto forma di spighe che nascevano dal sangue versato dal toro; così pure la spiga fa parte dell’iconografia cristiana; Mitra dopo il sacrificio sale  al cielo per unirsi col sole,  Cristo dopo la sua resurrezione siede alla destra del Padre; i fedeli del mitraismo credevano nell’immortalità dell’anima e nell’esplosione finale dell’universo, così pure dell’apocalisse finale tratta San Giovanni. Il  rituale mitreo si svolgeva nelle grotte, come usavano i primi cristiani, che si riunivano nelle catacombe. I seguaci mitrei e successivamente i fedeli di Cristo consumavano pane e vino nei loro banchetti sacri;questi stessi sono gli elementi che costituiscono l’eucarestia. Infine, entrambe le religioni erano culti iniziatici, legati all’idea della purificazione, della salvezza, dell’immortalità.Non è difficile pensare che il mitraismo , quando non fu più sostenuto dal potere imperiale, finì con l’essere assorbito dal Cristianesimo che con San Paolo e i primi padri della chiesa si era dato un poderoso fondamento filosofico-teologico, accettato e difeso dall’imperatore Costantino (274-337), che pure aveva professato per tanti anni il culto del Sole invitto. L’ecumenismo cristiano ha fatto in modo che la celebrazione della nascita di Cristo superi ogni muro divisorio tra i popoli, vada oltre gli steccati delle singole religioni, per rivelarsi luce di speranza, di amore e di carità fraterna. Il Natale crea ponti e abbatte steccati.-Antonino Tobia-------------------------------------------------------------------------------------------- <_div>Nel corso della serata il dott. Franco Di Genova ha cantato l’Ave Maria di Schubert

Immagine riferita a: Natale 2018

 

Autore Prof-Greco

social bookmarking

  • Avvisi, universita, news in Facebook
  • Avvisi, universita, news in Twitter
  • Avvisi, universita, news in Google Bookmarks
  • Avvisi, universita, news in del.icio.us
  • Avvisi, universita, news in Technorati
Parliamo di: università, news

Inserito il 21 Dicembre 2018 nella categoria Avvisi